charles-finney-massoneriaIl predicatore Charles Finney (1792- 1875), ex massone, in questo breve scritto (in inglese) dal titolo ‘Perchè ho lasciato la Massoneria’ si scaglia a giusta ragione contro la Massoneria smascherandola e riprovandola. Chi ha orecchi da udire, oda.

———————–

WHY I LEFT FREEMASONRY

By Charles G. Finney, D.D.

When I was converted to Christ I had belonged to the Masonic Lodge in Adams, New York, about four years. During the struggle of conviction of sin through which I passed, I do not recollect that the question of Freemasonry ever occurred to my mind.

New Views of Lodgism

But soon after my conversion, the evening came for attendance upon the Lodge, and I went. They, of course, were aware that I had become a Christian and the Master called upon me to open the Lodge with prayer. I did so, and poured out my heart to the Lord for blessings upon the Lodge. I observed that it created considerable excitement. The evening passed away, and at the close of the Lodge I was asked to pray again. I did so, and retired much depressed in spirit. I soon found that I was completely converted from Freemasonry to Christ, and that I could have no fellowship with any of the proceedings of the Lodge. Its oaths appeared to me to be monstrously profane and barbarous.

At that time I did not know how much I had been imposed upon by many of the pretensions of Masonry. But, upon reflection and examination, a severe struggle and earnest prayer, I found I could not consistently remain with them. My new life instinctively and irresistibly recoiled from any fellowship with what I now regarded as “the unfruitful works of darkness.”

Quietly Withdrawing Membership

Without consulting anyone, I finally went to the Lodge and requested my discharge. My mind was made up. Withdraw from them I must — with their consent if I might; without this consent if I must. Of this I said nothing; but somehow it came to be known that I had withdrawn.

They therefore planned a Masonic festival and sent a committee to me, requesting me to deliver an oration on that occasion. I quietly declined to do so, informing the committee that I could not conscientiously, in any wise, do what would show my approval of the institution, or sympathy with it. However, for the time, and for years afterward I remained silent, and said nothing against Masonry; though I had then so well considered the matter as to regard my Masonic oaths as utterly null and void. But from that time I never allowed myself to be recognized as a Freemason anywhere.

Beginning a Public Testimony

This was a few years before the revelations of Freemasonry by Captain William Morgan were published. When that book was published, I was asked if it was a true revelation of Freemasonry. I replied that it was so far as I knew anything about it, and that as nearly as I could recollect, it was a verbatim revelation of the first three degrees as I had myself taken them. I frankly acknowledged that that which had been published was a true account of the institution, and a true expose’ of their oaths, principles and proceedings. After I had considered it more thoroughly, I was more perfectly convinced that I had no right to adhere to the institution, or appear to do so; and that I was bound, whenever the occasion came, to speak my mind freely in regard to it, and to renounce the horrid oaths that I had taken.

Masonic Oaths Procured by Fraud

I found that in taking these oaths I had been grossly deceived and imposed upon. I had been led to suppose that there were some very important secrets to be communicated to me; but in this I found myself entirely disappointed. Indeed I came to the deliberate conclusion that my oaths had been procured by fraud and misrepresentations; that the institution was in no respect what I had been informed it was; and as I have had the means of examining it more thoroughly, it has become more and more irresistibly plain to me that Masonry is highly dangerous to the State, and in every way injurious to the Church of Christ.

Features of an Anti-Christ

Judging from unquestionable evidences, how can we fail to pronounce Freemasonry an unchristian institution? We can see that its morality is unchristian. Its oath-bound secrecy is unchristian. The administration and taking of its oaths are unchristian and a violation of the positive command of Christ. And Masonic oaths pledge its members to some of the most unlawful and unchristian things:

1. To conceal each other’s crimes.

2. To deliver each other from difficulty, whether right or wrong.

3. To unduly favor Masonry in political action and in business matters.

4. Its members are sworn to retaliate and persecute unto death the violators of Masonic obligations.

5. Freemasonry knows no mercy, and swears its candidates to avenge violations of Masonic obligations unto death.

6. Its oaths are profane, taking the Name of God in vain.

7. The penalties of these oaths are barbarous, even savage.

8. Its teachings are false and profane.

9. Its designs are partial and selfish.

10. Its ceremonies are a mixture of puerility and profanity.

11. Its religion is false.

12. It professes to save men on other conditions than those revealed in the Gospel of Christ.

13. It is wholly an enormous falsehood.

14. It is a swindle, obtaining money from its members under false pretenses.

15. It refuses all examinations, and veils itself under a mantle of oath-bound secrecy.

16. It is virtual conspiracy against both Church and State.

Some Fair Conclusions

No one, therefore, has ever undertaken to defend Freemasonry as judged by the above. Freemasons themselves do not pretend that their institution as revealed in reliable books, and by some of their own testimony, is compatible with Christianity. So it must follow that,

First, the Christian Church should have no fellowship with Freemasonry; and those who adhere intelligently and determinately to such an institution have no right to be in the Christian Church. We pronounce this judgment sorrowfully, but solemnly.

Second, should the question be asked, “What shall be done with the great number of professed Christians who are Freemasons?” I answer, let them have nothing more to do with it. Let it be distinctly pressed upon their consciences that all Masons, above the first two Degrees, have solemnly sworn to conceal each other’s crimes, murder and treason alone excepted; and that all above the sixth Degree have sworn to espouse each other’s cause, and to deliver them from any difficulty, whether right or wrong.

Third, if they have taken those Degrees where they have sworn to persecute unto death those who violate their Masonic obligations, let them be asked whether they really intend to do any such thing. Let them be distinctly asked whether they intend to aid and abet the administration and taking of these oaths. Or if they still intend to countenance the false and hypocritical teachings of Masonry. Or if they mean to countenance the profanity of their ceremonies, and the partiality of their sworn practice. If so, surely they should not be allowed their place in the Christian Church.

Fourth, can a man who has taken, and still adheres to the Master’s oath to conceal any secret crime of a brother of that Degree, murder and treason excepted, be a safe man with whom to entrust any public office? Can he be trusted as a witness, as a juror, or with any office connected with the administration of justice?

Fifth, can a man who has taken, and still adheres to, the oath of the Royal Arch Mason be trusted to public office? He swears to espouse the cause of a companion of this Degree when involved in any difficulty, so far as to extricate him, whether he be right or wrong. He swears to conceal his crimes, MURDER AND TREASON NOT EXCEPTED. Is such a man bound by such an oath to be trusted with office? Ought he to be accepted as a witness or juror when another Freemason is a party in the case? Ought he to be trusted with the office of Judge, or Justice of the Peace, or as a Sheriff, Constable, Marshal or any other office?

What Is Your Answer?

I appeal to your conscience in the sight of God, for an honest answer to these three questions:

1. Is any man who is under a most solemn oath to kill all who violate any part of Masonic oaths, a fit person to be at large among men?

2. Ought Freemasons of this stamp to be fellowshipped in the Christian Church?

3. Do you believe that the sins of Masonic oaths are forgiven only to those who repent? And that we do not repent of those sins to which we still adhere? And that adherence makes us also partaker of other men’s sins?

“The blood of Jesus Christ His Son cleanseth us from ALL sin.” “And every man that hath this hope in him purifieth himself, even as He is pure” (I John 1:17; 3:3).

Da: http://www.isaiah54.org/finney.htm

Leggete il mio libro ‘La Massoneria smascherata’


Tratto da: http://giacintobutindaro.org/2013/01/14/charles-finney-contro-la-massoneria/


Ho tradotto la testimonianza della conversione di Charles Finney in italiano. Non è una traduzione letterale perchè altrimenti non si sarebbe capito il significato di molte espressioni, ma è comunque fedele al testo originale:

PERCHE’ HO LASCIATO LA MASSONERIA

Di Charles G. Finney, D.D.

Quando mi convertì a Cristo, feci parte per circa quattro anni, della Loggia Massonica del borgo di Adams, New York. Durante la lotta [interiore, ndr] a causa della condanna del peccato per la quale sono passato, non ricordo che l’argomento della Massoneria mi abbia sfiorato la mente.

Nuove considerazioni sul Loggismo

Ma subito dopo la mia conversione, venne la sera della partecipazione alla Loggia, ed io ci andai. Loro, naturalmente, erano a conoscenza del fatto che ero diventato Cristiano ed il Maestro mi invitò ad aprire la Loggia con una preghiera. Lo feci, ed aprì il mio cuore al Signore per delle benedizioni sulla Loggia. Osservai che ciò creò una notevole emozione. La sera passò, e alla chiusura della Loggia mi fu chiesto di pregare ancora. Io lo feci, e mi congedai molto depresso nello spirito. Presto scoprì che mi ero definitivamente convertito dalla Massoneria a Cristo, e che non potevo avere nessuna comunione con le pratiche della Loggia. Il suo giuramento mi sembrava essere mostruosamente profano e barbaro.

All’epoca io non conoscevo quanto mi era stato subito imposto dalle numerose pretese della Massoneria. Ma, dopo un esame ed una riflessione, una violenta lotta ed una ferma preghiera, capì che non potevo rimanere per sempre con loro. La mia nuova vita si ritirava istintivamente ed irresistibilmente da qualsiasi compagnia che io ora consideravo essere “opere infruttuose delle tenebre”.

Un’iscrizione silenziosamente revocata

Senza consultare nessuno, mi recai finalmente alla Loggia dando le mie dimissioni. Avevo già deciso tutto. Devo allontanarmi da loro – possibilmente con il loro consenso; obbligatoriamente senza il loro consenso. Non raccontai nulla di questo; ma in qualche modo si venne a sapere che io mi ero dimesso.

Loro, quindi organizzarono una festa massonica e mi mandarono un comitato, che mi chiedeva di pronunciare un discorso pubblico in quell’occasione. Rifiutai tranquillamente di fare ciò, informando il comitato che io non potevo coscienziosamente, in alcun modo, fare ciò che avrebbe potuto mostrare la mia approvazione o simpatia con l’istituzione. Comunque, per quel tempo e per gli anni a venire io rimasi in silenzio, e non dissi nulla contro la Massoneria; sebbene io allora considerai molto bene la questione riguardante il mio giuramento massonico come un qualcosa di nullo e privo di efficacia alcuna. Ma da allora, non permisi di essere riconosciuto come massone da nessuna parte.

Iniziando una testimonianza pubblica

Ciò avvenne qualche anno prima che le mie rivelazioni sulla Massoneria furono pubblicate dal Capitano William Morgan. Quando il libro fu pubblicato, mi fu chiesto se erano vere le rivelazioni circa la Massoneria. Io risposi che per quanto io ne sapessi e mi ricordassi al riguardo, si trattava di una rivelazione testuale dei primi tre gradi proprio come li avevo conseguiti. Ho apertamente riconosciuto che ciò che fu pubblicato era un resoconto fedele dell’istituzione, ed una vera e propria denuncia dei loro giuramenti, principi e pratiche. Dopo che considerai ciò in maniera più approfondita, ero ancora più convinto che non avevo il diritto di rispettare l’istituzione, o anche solo di dare l’impressione di fare ciò; e che avrei dovuto, non appena ci fosse stata l’occasione, esprimermi liberamente riguardo ad essa, e di rinunciare all’orrendo giuramento a cui mi ero prestato.

Giuramento massonico ottenuto con l’inganno

Scoprì che nel prestare questo giuramento fui gravemente ingannato e tradito. Sono stato portato a credere che ci fossero dei segreti molto importanti che mi sarebbero stati comunicati, ma su questo rimasi del tutto deluso. Infatti giunsi alla conclusione che il mio giuramento fu il frutto dell’inganno e di false dichiarazioni; che l’istituzione non era in alcun modo ciò di cui io ero stato informato; e come io ebbi i mezzi per esaminarla in maniera più approfondita, mi divenne sempre più chiaro che la Massoneria era altamente pericolosa per lo Stato, e sotto tutti gli aspetti dannosa per la Chiesa di Cristo.

Elementi di un Anti-Cristo

A giudicare dalle prove inconfutabili, come si fa a non dire che la Massoneria è un’istituzione contraria ai principi cristiani? Noi possiamo constatare che la sua morale non è cristiana. Il suo giuramento vincolato dalla segretezza non è cristiano. La somministrazione e l’assunzione dei suoi giuramenti sono anticristiani e costituiscono una violazione del comando assoluto di Cristo. Ed il giuramento massonico impegna i suoi membri ad alcune delle azioni più illegali e non cristiane:

  1. Celare i crimini gli uni degli altri
  2. Liberarsi a vicenda dalle difficoltà, sia nella ragione che nel torto
  3. Favorire indebitamente la Massoneria nelle azioni politiche e nelle questioni d’affari
  4. I suoi membri sono vincolati dal giuramento a vendicarsi e perseguitare a morte i trasgressori del giuramento massonico.
  5. La Massoneria non conosce pietà e giura ai suoi iscritti di vendicare a morte le trasgressioni degli obblighi massonici.
  6. I suoi giuramenti sono profani e usano il nome di Dio in vano.
  7. I provvedimenti disciplinari di questi giuramenti sono incivili, addirittura crudeli.
  8. I suoi insegnamenti sono falsi e profani.
  9. I suoi piani sono faziosi ed egoisti.
  10. Le sue cerimonie sono un miscuglio di puerilità e profanità.
  11. La sua religione è falsa.
  12. Essa afferma di salvare gli uomini a condizini diverse rispetto a quelle rivelate nel Vangelo di Cristo.
  13. È assolutamente un enorme imbroglio
  14. È una truffa, ottengono soldi dai membri con dei falsi pretesti.
  15. Rifiuta di essere messa al valgio, e si cela sotto il mantello del giuramento e vincolo della segretezza.
  16. È in sostanza una cospirazione contro la Chiesa e lo Stato.

Alcune giuste conclusioni

In conclusione, nessuno, si è mai impegnato a difendere la Massoneria a giudicare dai suddetti punti. Gli stessi massoni, non pretendono che la loro istituzione, come emerge da libri affidabili e da alcune delle loro stesse testimonianze, sia compatibile con il Cristianesimo. Quindi ne consegue che

Prima di tutto, la Chiesa Cristiana non deve avere alcuna comunione con la Massoneria; e coloro che aderiscono deliberatamente e consapevolmente ad una tale istituzione non hanno il diritto di stare nella Chiesa Cristiana. Noi dichiariamo questo giudizio in maniera desolata, ma con solennità.

Secondo, alla domanda, “Cosa si deve fare con il gran numero di Cristiani dichiarati che sono massoni?” Rispondo, che non si deve loro permettere di avere più niente a che fare con essa. Lasciare che siano nettamente convinti dalle loro coscienze che tutti i Massoni, dai primi due gradi, hanno solennemente giurato di celare i crimini gli uni degli altri, fatta eccezione degli omicidi e dei tradimenti; e che tutti dal sesto grado hanno giurato di sposare la causa l’uno per l’altro, e di liberarsi da qualsiasi difficoltà, sia nel bene che nel male.

Terzo, se loro hanno intrapreso questi gradi dove hanno giurato di perseguitare a morte coloro che trasgrediranno i loro obblighi massonici, lasciate che venga loro domandato se hanno veramente intenzione di fare una cosa del genere. Lasciate che sia loro chiesto chiaramente se intendono rendersi complici della somministrazione e l’assunzione di tale giuramenti. O se hanno ancora intenzione di sostenere gli insegnamenti falsi e ipocriti della Massoneria. O se intendono accettare la profanità delle loro cerimonie e la faziosità della prassi dei loro giuramenti. Se è così, certamente non deve loro essere permesso di rimanere nella Chiesa Cristiana.

Quarto, può un uomo che ha prestato e che ancora rispetta il giuramento fatto al Maestro come ad esempio celare i crimini segreti dei fratelli dello stesso grado, ad eccezione dell’omicidio e del tradimento, essere una persona sicura al quale affidare una qualsiasi funzione pubblica? Può essere creduto come testimone, giurato o qualsiasi altro ufficio connesso con l’amministrazione della giustizia?

Quinto, può un uomo che ha prestato e che ancora rispetta il giuramento del massone dell’Arco Reale essere affidabile come funzionario pubblico? Lui giura di sposare la causa del compagno del suo grado se coinvolto in qualsiasi difficoltà, persino a liberarlo, che abbia ragione o meno. Giura di nascondere i suoi crimini, OMICIDIO E TRADIMENTO INCLUSI. Un tale uomo legato a tale giuramento può essere affidabile come funzionario? Dovrebbe essere accettato come testimone o giurato quando un altro massone è interessato nel caso? Dovrebbe essere reputato affidabile a ricoprire l’incarico di giudice, o giudice di pace, o sceriffo, o poliziotto, o maresciallo o qualsiasi altro ufficio?

Qual è la tua risposta?

Mi appello di fronte a Dio alla tua coscienza, per una risposta onesta a questi tre quesiti:

  1. Può un uomo che si trova sotto giuramento solenne di uccidere tutti coloro che violano qualsiasi parte del giuramento massonico, essere una persona adatta a restare in libertà tra gli uomini?

 

  1. Dovrebbero massoni di questo calibro essere membri della Chiesa Cristiana?

 

  1. Credi che i peccati del giuramento massonico sono perdonati solo a coloro che si ravvedono? E che noi non ci ravvediamo dai peccati se continuiamo a persistere in essi? E che l’adesione ci rende partecipi dei peccati degli uomini?

 

“e il sangue di Gesù, suo Figlio, ci purifica da ogni peccato.” (1 Giovanni 1:7) “E chiunque ha questa speranza in lui, si purifica com’egli è puro.” (1 Giovanni 3:3)

Gianluca Colucci