papa-francesco-traettino

E’ una cosa scandalosa, una vergogna, una cosa gravissima che porta discredito alla via della verità. Non ci meravigliamo però, perchè sappiamo che Giovanni Traettino è da anni impegnato in un dialogo ecumenico con la Chiesa Cattolica Romana. Colgo quindi di nuovo l’occasione per esortarvi fratelli a guardarvi e ritirarvi da Traettino e da tutti quegli Evangelici che hanno il suo stesso sentimento e comportamento: sono dei ribelli agli occhi di Dio perchè si sono messi con gli infedeli.

Chi ha orecchi da udire, oda.

Giacinto Butindaro

Traettino, il pastore che prega con il Papa – L’evangelico casertano accolto nella casa di Santa Marta. E Francesco commenta l’incontro con i fedeli su Facebook

CASERTA — Quando si è fatto annunziare alla porta del complesso ha immaginato a qualche prelato che gli venisse incontro per accompagnarlo negli appartamenti. Invece grande è stato lo stupore vedendosi arrivare incontro il Pontefice in persona. L’abbraccio e i sorrisi scambiati sono stati il preludio ad un incontro che lo stesso Papa ha definito «significativo».
Non fosse stato per un post comparso l’altro ieri, mercoledì, a tarda sera sul profilo Facebook di Papa Francesco, forse non si sarebbe mai saputo dell’incontro privato avvenuto in mattinata fra questi e il pastore evangelista carismatico casertano, Giovanni Traettino. Il primo incontro fra i due risale al 2006, a Buenos Aires, in occasione di un incontro di preghiera fra l’allora cardinale Bergoglio e i pastori evangelici della capitale argentina.

I CONTATTI – Con quei «colleghi» sudamericani Traettino è poi rimasto in contatto. «Perché il cardinale ha sempre mostrato sensibilità verso il dialogo con noi, incoraggiando comuni riflessioni e sollecitando l’unità fra i cattolici». Papa Francesco, persona che dà del tu ai social network, ha postato nella serata di mercoledì queste parole: «Ci sono divisioni fra noi, ma anche divisioni fra le comunità: cristiani evangelici, cristiani ortodossi, cristiani cattolici. Ma perché divisi? Dobbiamo cercare di portare l’unità». Quindi il successore di Pietro sul soglio pontificio ha aggiunto: «Vi racconto una cosa: oggi, prima di uscire di casa, sono stato quaranta minuti con un Pastore evangelico e abbiamo pregato insieme e cercato l’unità. Ma dobbiamo pregare fra noi cattolici e anche con gli altri cristiani, pregare perché il Signore ci doni l’unità, l’unità fra noi. Buonanotte!».

L’ACCOGLIENZA – Quel pastore evangelico era Giovanni Traettino. Il Papa lo ha accolto nel suo alloggio di Santa Marta. C’è stato uno scambio di doni fra i due, alcune pubblicazioni. Quindi un momento di preghiera molto sentito prima di abbandonarsi ad alcune riflessioni sulla necessità di trovare l’unità tra i cristiani. «Un colloquio informale, molto fraterno» ha svelato ieri il pastore Traettino. «Mi sento anch’io fortemente impegnato in questo processo ma sono gli uomini, alla fine, a giocare un ruolo importante nel percorso di fratellanza autentica. L’auspicio — ha aggiunto il religioso casertano — è che anche momenti come questo giochino un ruolo nel processo di unità che tutti noi vogliamo». Settant’anni, il pastore Traettino fu ordinato nel 1968. A Caserta veglia su una comunità di centinaia di credenti che si riuniscono nella Chiesa evangelica della Riconciliazione di via Feudo San Martino.

Piero Rossano

21 giugno 2013

Fonte: http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/caserta/notizie/cronaca/2013/21-giugno-2013/traettino-pastore-che-prega-il-papa-2221779756612.shtml


Tratto da: http://giacintobutindaro.org/2013/06/21/il-pastore-giovanni-traettino-prega-con-il-suo-fratello-papa-francesco/