cultura-rispetto

Invece che rispettare i pensieri di Dio, che sono giusti, santi e buoni – rispetto che implica la loro difesa dagli attacchi di chicchessia – che fanno taluni che si dicono Cristiani? Rispettano i pensieri malvagi e vani degli uomini peccatori. Loro infatti portano avanti la cultura del rispetto della vanità, del peccato e della menzogna. Sono proprio uomini riprovati quanto alla fede, disposti e pronti a difendere i pensieri e gli atti malvagi degli uomini, ma per nulla disposti e pronti a difendere la Parola di Dio e le opere di Dio dagli attacchi dei malvagi. E questo perché vogliono essere amici del mondo, e il mondo per questo li ama. E per difendere l’amicizia del mondo che si sono guadagnati disprezzando la Parola di Dio si sono inventanti tanti sofismi. Ma costoro sono nemici di Dio, perché disprezzano Dio. Quella che infatti essi diffondono è la cultura del disprezzo verso l’Iddio vivente e vero, e a suo tempo Dio farà ricadere sul loro capo la loro malvagità.

Fratelli, non abbiate alcun rispetto per i pensieri malvagi, ma distruggeteli mediante la Parola di Dio, che è come un martello che spezza il sasso. Così mostrerete di rispettare la Parola di Dio e quindi Dio. Certo tutto ciò vi farà odiare dal mondo, ma non dovete meravigliarvi di ciò perché il mondo prima di noi ha odiato Gesù Cristo, che mostrò in tante maniere di non rispettare i pensieri iniqui degli uomini.
“Perché sebbene camminiamo nella carne, non combattiamo secondo la carne; infatti le armi della nostra guerra non sono carnali, ma potenti nel cospetto di Dio a distruggere le fortezze; poiché distruggiamo i ragionamenti ed ogni altezza che si eleva contro alla conoscenza di Dio, e facciam prigione ogni pensiero traendolo all’ubbidienza di Cristo” (2 Corinzi 10:3-5).

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro


Tratto da: http://giacintobutindaro.org/2014/05/06/no-alla-cultura-del-rispetto-dei-pensieri-malvagi-si-alla-cultura-del-rispetto-dei-pensieri-di-dio/