funerale-bara

“Non v’illudete; né i fornicatori, né gl’idolatri, né gli adulteri, né gli effeminati, né i sodomiti, né i ladri, né gli avari, né gli ubriachi, né gli oltraggiatori, né i rapaci erederanno il regno di Dio” (1 Corinzi 6:9-10).

Eccoci al funerale di un membro di una Chiesa Evangelica, che era conosciuto da tutti per essere un fornicatore, un ladro, un bugiardo, e un oltraggiatore. Il «pastore» durante il suo discorso assicura i presenti che conosceva bene quell’uomo, lo conosceva sin da quando era un bambino, ed afferma che malgrado le sue ‘debolezze’ (così chiama i peccati di cui quell’uomo era schiavo) ora è in cielo perché molti anni addietro alla scuola domenicale (o al campeggio) aveva accettato Gesù nel suo cuore! Sono presenti tanti amici del morto, malvagi come il loro amico, che per la prima volta nella loro vita ascoltano quello che dice un «pastore». Alla fine del suo discorso sia i credenti che i non credenti, si rallegrano di avere sentito che quell’uomo è ora in cielo a cantare le lodi al Signore! Questo è quello che purtroppo avviene oggi in seno a tante Chiese Evangeliche. D’altronde da «pastori» che sono loro stessi fornicatori, ladri, bugiardi e oltraggiatori, che messaggio ci si può aspettare? Dalla bocca di «pastori» che rigettano la santificazione e deridono e offendono quelli che si santificano nel timore di Dio che cosa si può sentire di diverso? Questi «pastori» fornicatori, ladri, bugiardi e oltraggiatori stanno conducendo tante anime nel fuoco dell’inferno assieme a loro. All’inferno quindi abbondano le anime di peccatori che sulla terra erano conosciuti come ‘Evangelici’. Guardatevi e ritiratevi da essi.

Giacinto Butindaro


Tratto da: http://giacintobutindaro.org/2014/07/04/evangelici-che-sono-allinferno/