volpi-quattroState molto attenti fratelli, perché tanti ‘pastori evangelici’ si sono inventati questo sofisma per ingannare i semplici che è il seguente. Dicono che non sono a favore dell’ecumenismo con la Chiesa Cattolica Romana, ma con questo vogliono dire che non sono a favore di andare a messa a pregare assieme ai cattolici romani perché durante la messa si invocano e pregano i morti, ma per il resto sono a favore di collaborare con la Chiesa Cattolica Romana in svariati «campi della vita quotidiana». Ma questa collaborazione fa parte anch’essa di quello che si chiama ecumenismo, e difatti il Vaticano la considera un mezzo efficace per raggiungere la cosiddetta ‘unità nella diversità’ con gli Evangelici. Secondo quella volpe di Francesco infatti bisogna guardare a quella «collaborazione in tanti campi della vita quotidiana che già ora felicemente ci unisce» per superare le difficoltà ancora persistenti sul cammino verso l’unità!! Nessuno di questi ipocriti vi seduca. La Scrittura infatti condanna questo loro ragionamento e comportamento perché afferma: “Non vi mettete con gl’infedeli sotto un giogo che non è per voi; perché qual comunanza v’è egli fra la giustizia e l’iniquità? O qual comunione fra la luce e le tenebre?” (2 Corinzi 6:14). Essi in realtà sono ecumenici, ma vogliono far credere che non lo sono. Guardatevi e ritiratevi da essi dunque.

Giacinto Butindaro


Tratto da: http://giacintobutindaro.org/2014/07/24/si-tratta-sempre-di-ecumenismo/