rotolo-leggeAnche oggi sono molti gli Ebrei che odono con le loro orecchie ma non intendono con il cuore, guardano con i loro occhi ma non discernono, e quindi non si convertono a Cristo. E questo avviene affinché si adempia in loro la profezia del profeta Isaia che dice: “Udrete co’ vostri orecchi e non intenderete; guarderete co’ vostri occhi e non vedrete; perché il cuore di questo popolo s’è fatto insensibile, son divenuti duri d’orecchi ed hanno chiuso gli occhi, che talora non veggano con gli occhi e non odano con gli orecchi e non intendano col cuore e non si convertano, ed io non li guarisca” (Matteo 13:14-15). Essi sono stati indurati da Dio, “secondo che è scritto: Iddio ha dato loro uno spirito di stordimento, degli occhi per non vedere e degli orecchi per non udire, fino a questo giorno” (Romani 11:8).
Ma anche oggi ci sono Ebrei che sono nostri fratelli perché hanno creduto come noi che Gesù di Nazareth è il Messia. Essi costituiscono il residuo eletto (Romani 11:5,7), perché anch’essi come noi Gentili in Cristo Gesù sono stati eletti a salvezza prima della fondazione del mondo.
Assieme formiamo la Chiesa dell’Iddio vivente e vero, colonna e base della verità.
A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen

Giacinto Butindaro


Tratto da: http://giacintobutindaro.org/2014/09/19/gli-indurati-e-gli-eletti-tra-gli-ebrei/