francesco-salvezzaNessuno si lasci ingannare da queste parole di Francesco: “Le Chiese non diventino mai case di affari, la redenzione di Gesù è sempre gratuita” (http://www.repubblica.it/esteri/2014/11/21/news/papa_francesco_parrocchie-101083749/) perché anche se lui ha riprovato le liste dei prezzi dei «sacramenti» presenti nei luoghi di culto cattolici, la salvezza dell’anima secondo la teologia papista continua ad essere per opere, e quindi è come se fosse in vendita in quanto la si deve guadagnare o comprare con opere meritorie.
A tale proposito vi ricordo quello che afferma il Concilio di Trento contro coloro che insegnano – basandosi sulla Parola di Dio (Galati 2:16; Romani 3:23-24; 5:1); – che si viene giustificati soltanto mediante la fede in Cristo Gesù: ‘Se qualcuno afferma che l’empio è giustificato dalla sola fede, così da intendere che non si richieda nient’altro con cui cooperare al conseguimento della grazia della giustificazione e che in nessun modo è necessario che egli si prepari e si disponga con un atto della sua volontà; sia anatema’ (Concilio di Trento, Sess. VI, can. 9.).
Quindi la salvezza di Cristo è gratuita, perché è per grazia che si ottiene, ma la salvezza che insegna la chiesa cattolica romana non è assolutamente per grazia ma è per opere. Le parole di Francesco dunque sono ingannevoli. E’ proprio una volpe.
Cattolici Romani, ravvedetevi e credete nel Vangelo di Cristo, e otterrete così la giustificazione che dà vita. E poi uscite e separatevi immediatamente dalla Chiesa Cattolica Romana che con le sue eresie di perdizione mena le anime in perdizione.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

P.s. Leggete il mio libro confutatorio ‘La Chiesa Cattolica Romana’


Tratto da: http://giacintobutindaro.org/2014/11/21/la-salvezza-predicata-da-francesco-non-si-ottiene-per-grazia-ma-per-opere/