stella-lucifero

L’Esagramma (detto anche «scudo di Davide», «stella di Davide», «cimiero di Salomone» o «Sigillo esagonale di Salomone») è un altro simbolo usato dai massoni, dalle streghe e dai maghi. Jennings indica che l’Esagramma, anche se ora è il simbolo dello Stato d’Israele, era già conosciuto molto prima del giudaismo 180. Egli ci dice che questo simbolo era usato come una sorta «di aiuto per Maghi e Alchimisti. I Maghi credevano che esso rappresentasse l’impronta di un tipo speciale di demone detto “Trud” e lo utilizzavano durante cerimonie per evocare demoni e tenerli a bada» 181. Nel suo libro Spellbound («Incantato»), Jack Chick scrive: «Nella stregoneria, l’Esagramma è considerato il simbolo più malvagio del mondo dell’occulto. Esso viene utilizzato per evocare un demone durante un rito cerimoniale. La parola “malocchio” (“hex”), che significa lanciare una maledizione su qualcuno, deriva da questo simbolo» 182. Waite confessa che L’Esagramma è il simbolo del Grande Architetto dell’Universo 183. A chi entra nella Massoneria viene insegnato che il Grande Architetto rappresenta Dio, ma non dobbiamo dimenticare che il dio massonico è Lucifero! L’Esagramma, perciò, è un altro simbolo di Lucifero (Satana).

Note

180 Cfr. G. Jennings, op. cit., pag. 49.
181 Ibid.
182 Cfr. J. T. Chick, Spellbound, Chick Publications, Chino 1978, pag. 7.
183 Cfr. A. E. Waite, op. cit., pag. 110.

Tratto da: http://www.centrosangiorgio.com/occultismo/massoneria/articoli/pagine_articoli/i_segreti_della_massoneria.htm

La stella a sei punte o esagramma o stella di Salomone o l’emblema del Mago, dell’Adam Kadmon (l’uomo celeste della cabala, l’uomo divinizzato) rigenerato attraverso la gnosi che afferma la sua supremazia assoluta sull’universo. Il «macro-prosopus» (il mondo grande) si rispecchia nel «microprosopus» o mondo piccolo della coscienza individuale; ciò che è in alto è uguale a ciò che è in basso, l’uomo è come Dio. C’è l’idea del rovesciamento, della rivoluzione, della lotta contro Dio nel triangolo rovesciato, che è anche simbolo della discesa dello spirito. Il serpente che si morde la coda è simbolo gnostico dell’iniziazione e dell’alta potenza dei maghi (v. Epiphanius, cit., p. 194). La stella a sei punte è impiegata per magie e sortilegi. (Fonte: http://www.preghiereagesuemaria.it/sala/simboli%20anticristiani.htm)

Il massone Jules Boucher, nel suo libro: “La simbologia massonica”, fornisce una singolare rappresentazione del Tempio Massonico, costituito dai 33 gradi del Rito Scozzese Antico ed Accettato: una “stella a cinque punte” inscritta in una “stella a sei punte”, e l’insieme lo chiama: “L’esagramma col pentalfa” o “Esagramma pentalfico”. Il Boucher così spiega questa simbologia:

«Ragon fa questa domanda: “Che cosa diventa l’individuo dopo il trapasso?”. E risponde: “Da effetto che era, diventa causa a sua volta (…) in quanto (…) la sua anima, che non era che una particella dell’anima universale, ritorna a questa immensa sorgente di vita, la “Camera di Mezzo”, l’immagine del grande laboratorio in cui si operano queste trasformazioni infinite”. (…). (Fonte: http://www.chiesaviva.org/nuova-chiesa-a-spadre-pio/quinta-pagina.html)

L’esagramma è un simbolo molto diffuso nell’occultismo in generale ed anche nella Kabbalah Pratica più tarda. […] Lo studioso della tradizione ebraica Gershom Scholem, teorizza che la Stella di Davide ebbe origine nei testi di Aristotele, che usò i triangoli in differenti posizioni per indicare i diversi Elementi basici. I triangoli sovrapposti rappresentano così le combinazioni dei quattro Elementi, come è nell’Alchimia. Dai testi di Aristotele, questi simboli sono arrivati fino alla letteratura araba e poi a quella musulmana. La stella a 6 punte si può trovare come decorazione in msochee e in altri manufatti dell’arte araba e islamica. (Fonte: http://www.loggiaaletheia.it/download/nascosti/Dell’Esagramma%20E%20Del%20%20Pantacolo%20Marinista%20-%20di%20Rosarius.pdf)

La Stella di Davide non ha niente a che fare con il re Davide, ma con il dio Refan, alterego di Chiun (Saturno), e con Astarte, la Gran Madre fenicia, alterego della babilonese Ishtar. L’esagramma, o stella a sei punte, erroneamente considerato il simbolo del popolo ebraico e del Giudaismo e denominato comunemente “stella di Davide”, è utilizzato in modo massiccio nelle chiese ed è spesso associato alle immagini della “Regina dei Cieli”, la Gran Madre, che non è l’umile Maria madre di Gesù Cristo ma, appunto, Astarte (o Ishtar, Lilitu, Artemis, Isis, Minerva, Kwan-yin, Demeter, Gaia, Luna, Hectate, Afrodite, Aurora, Shing Moo, Donna del Vitello Bianco, Shakti, Hera, Kalì, Giunone, Sofia, Fatima Zhara, Ceres, Persefone, Afrodite…). Questo simbolo è il marchio del dio pagano Refan (uno dei nomi per indicare l’antica divinità Chiun, Saturnus, il caldaico Kivano), simbolo già noto agli antichi Egizi (secondo la Universal Jewish Encyclopedia).

L’esagramma o stella a sei punte, ha sicuramente tre sei. Esso contiene un sei, all’interno di un sei, all’interno di un sei: 666. (Conta i lati di ogni triangolo in senso orario, i lati rivolti in senso antiorario, e il terzo sei – i lati dell’esagono interno).

Apocalisse 14:11 E il fumo del loro tormento sale ne’ secoli dei secoli; e non hanno requie né giorno né notte quelli che adorano la bestia e la sua immagine e chiunque prende il marchio del suo nome.

Potrebbe essere il MARCHIO DELLA BESTIA!
(dico potrebbe – non possiamo dirlo con assoluta certezza – ricorda però che la Bibbia ci dice in Apocalisse 13:17-18 che ci sarà il marchio o il nome della bestia o il numero del suo nome, che è 666).

La Bibbia ci vieta categoricamente di fare delle immagini e tra queste rientrano anche i simboli:

“Non ti fare scultura alcuna né immagine alcuna delle cose che sono lassù ne’ cieli o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra.” (Esodo 20:4)

Inoltre condanna il simbolo dell’esagramma:

“Orbene voi vi toglierete in ispalla il baldacchino del vostro re, e il piedistallo delle vostre immagini, la stella dei vostri dèi, che voi vi siete fatti.” (Amos 5:26)

“Anzi, voi portaste la tenda di Moloc e la stella del dio Romfàn, immagini che voi faceste per adorarle. Perciò io vi trasporterò al di là di Babilonia.” (Atti 7:43)

Leggi anche:

– La Stella di David? «Fu simbolo magico» E scoppia la polemica in Rete: http://www.corriere.it/esteri/09_maggio_04/battistini_stella_david_9bf712ce-38f0-11de-a257-00144f02aabc.shtml?refresh_ce-cp

– Gershom Scholem – La Stella di David. Storia di un simbolo
la recensione di Susanna Nirenstein:
http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=4&sez=120&id=50269

– Nascita di un simbolo così la stella a 6 punte diventò di Davide: http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2013/08/12/nascita-di-un-simbolo-cosi-la-stella.html?refresh_ce