volpe-furbaSapete cosa dicono taluni predicatori per giustificare il loro pubblico silenzio contro l’omosessualità? «Trovatemi un passo nei Vangeli dove Gesù ha condannato pubblicamente l’omosessualità, e lo farò anch’io!» Beh, allora se dovessimo seguire questa regola, non dovremmo neppure condannare la bestialità, perché anche su questo peccato non troviamo scritto che Gesù lo condannò!!!
In realtà, costoro parlano così, perché non vogliono essere vituperati dagli omosessuali a cagione della Parola di Dio (quindi non vogliono che gli omosessuali gli dicano: ‘Pensi di essere Dio?’, o ‘Sei un fariseo religioso!’, ‘Non hai amore’, e così via), e quindi con il loro silenzio evitano che gli omosessuali si scaglino contro di essi. Essi dunque dimostrano di avere paura degli uomini, e quindi di essere in un laccio.
Ma sia chiaro a tutti, che Gesù fu odiato dal mondo perché testimoniò del mondo che le sue opere erano malvagie (cfr. Giovanni 7:7). Quindi chi serve Cristo Gesù, segue le sue orme, e fa la medesima cosa: testimonia del mondo che le sue opere sono malvagie. E quali sono queste opere del mondo che il servo del Signore riprova? Certamente tra di esse c’è l’omosessualità, ma anche la pedofilia, la bestialità, l’aborto, la fornicazione, l’adulterio, la stregoneria, l’ubriachezza, la gozzoviglia, l’avarizia, l’idolatria, e altri simili cose.
Badate dunque a voi stessi, e non fatevi ingannare dalle ciance di queste volpi. Noi siamo luce nel Signore, e quindi siamo chiamati a riprendere le opere infruttuose delle tenebre (cfr. Efesini 5:11). Questo vi farà odiare dal mondo, ma ricordatevi che prima di voi il mondo ha odiato il Signore Gesù Cristo, che è la luce del mondo, perché Egli riprovò le opere malvagie del mondo.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro


Tratto da: http://giacintobutindaro.org/2015/09/03/attenzione-allennesimo-sofisma-delle-volpi/