santa-claus-satana

Chi è davvero quest’uomo conosciuto da tutti come Santa Claus o Babbo Natale? Che cosa sappiamo veramente di lui? Si tratta soltanto di un tipo gioioso, innocuo e amichevole? O c’è qualcos’altro o meglio qualcun altro che si nasconde dietro a questa figura emblematica? Prima di dare una risposta però, stabiliamo alcune nozioni bibliche fondamentali:

La Bibbia mette in guardia molto spesso da un essere malvagio potente, ribelle e impercettibile chiamato Satana.

“E il gran dragone, il serpente antico, che è chiamato Diavolo e Satana, il seduttore di tutto il mondo, fu gettato giù; fu gettato sulla terra, e con lui furon gettati gli angeli suoi.” (Apocalisse 12:9)

La Bibbia ci dice anche che Satana si ribellò a Dio perché desiderava essere come l’Altissimo. La missione di Satana è quella di detronizzare Dio e persuadere l’umanità intera a ribellarsi contro di Lui.

“Come mai sei caduto dal cielo, o astro mattutino, figliuol dell’aurora?! Come mai sei atterrato, tu che calpestavi le nazioni?! Tu dicevi in cuor tuo: ‘Io salirò in cielo, eleverò il mio trono al disopra delle stelle di Dio; io m’assiderò sul monte dell’assemblea, nella parte estrema del settentrione; salirò sulle sommità delle nubi, sarò simile all’Altissimo’.” (Isaia 14:12-14)

La Bibbia insegna che Satana attacca principalmente coloro che sono più vulnerabili. In Luca 10:18, Gesù Cristo paragona Satana alla folgore: “Ed egli disse loro: Io mirava Satana cader dal cielo a guisa di folgore.” La folgore come Satana, segue generalmente il percorso di minor resistenza. La Bibbia inoltre paragona Satana ad un ‘leone ruggente’. Il leone è un predatore di occasioni. Il leone è sempre in cerca del ferito, del più giovane, del più piccolo e del più debole – della persona che non è in grado di scappare o di lottare. Questi è Satana. Lui è costantemente alla ricerca di coloro che potrebbe divorare:

“Siate sobrî, vegliate; il vostro avversario, il diavolo, va attorno a guisa di leon ruggente cercando chi possa divorare.” (1 Pietro 5:8)

I più vulnerabili e con minor resistenza sono i bambini. Non è un caso infatti che il Signore Gesù Cristo ha più volte lanciato un duro monito contro coloro che scandalizzano e fanno del male ai bambini:

“In quel mentre i discepoli s’accostarono a Gesù, dicendo: Chi è dunque il maggiore nel regno dei cieli? Ed egli, chiamato a sé un piccolo fanciullo, lo pose in mezzo a loro e disse: In verità io vi dico: Se non mutate e non diventate come i piccoli fanciulli, non entrerete punto nel regno dei cieli. Chi pertanto si abbasserà come questo piccolo fanciullo, è lui il maggiore nel regno de’ cieli. E chiunque riceve un cotal piccolo fanciullo nel nome mio, riceve me. Ma chi avrà scandalizzato uno di questi piccoli che credono in me, meglio per lui sarebbe che gli fosse appesa al collo una macina da mulino e fosse sommerso nel fondo del mare.” (Matteo 18:1-6)

Il Signore Gesù invita ed incoraggia i bambini ad andare a Lui. I primi anni sono di gran lunga i più proficui dal punto di vista spirituale, nel ciclo vitale di una persona.

“Or gli presentavano dei bambini perché li toccasse; ma i discepoli sgridavan coloro che glieli presentavano. E Gesù, veduto ciò, s’indignò e disse loro: Lasciate i piccoli fanciulli venire a me; non glielo vietate, perché di tali è il regno di Dio. In verità io vi dico che chiunque non avrà ricevuto il regno di Dio come un piccolo fanciullo, non entrerà punto in esso.” (Marco 10:13-15)

“Or gli recavano anche i bambini, perché li toccasse; ma i discepoli, veduto questo, sgridavano quelli che glieli recavano. Ma Gesù chiamò a sé i bambini, e disse: Lasciate i piccoli fanciulli venire a me, e non glielo vietate, perché di tali è il regno di Dio. In verità io vi dico che chiunque non avrà ricevuto il regno di Dio come un piccolo fanciullo, non entrerà punto in esso.” (Luca 18:15-17)

Se dunque il periodo più proficuo per la salvezza è l’età pre-adolescenziale e se quest’età è anche la più debole e vulnerabile – non è forse ragionevole credere che Satana attaccherà ferocemente e senza tregua proprio in questo periodo? Non riuscite a vedere le prove schiaccianti che attestano i continui attacchi del diavolo nei confronti dei bambini? Dalla musica sessualmente esplicita di Miley Cyrus, all’occultismo e la stregoneria presente in Harry Potter – c’è un attacco diretto ai bambini. È proprio tramite questo assalto mediante la TV, la musica, Internet, lo stress sociale, le scuole pubbliche – che Satana cerca di divorare letteralmente i bambini da cima a fondo.

Molti genitori sembrano prendere sottogamba il problema e credono che i bambini siano esenti dagli attacchi del diavolo, ma la Bibbia descrive un quadro completamente diverso dal loro. Nel Vangelo di Marco, al capitolo 9, Dio descrive dettagliatamente un caso spaventoso. Un uomo porta il proprio figliuolo indemoniato al Signore Gesù:

“E uno della folla gli rispose: Maestro, io t’ho menato il mio figliuolo che ha uno spirito mutolo; e dovunque esso lo prende, lo atterra; ed egli schiuma, stride dei denti e rimane stecchito. Ho detto a’ tuoi discepoli che lo cacciassero, ma non hanno potuto. E Gesù, rispondendo, disse loro: O generazione incredula! Fino a quando sarò io con voi? Fino a quando vi sopporterò? Menatemelo. E glielo menarono; e come vide Gesù, subito lo spirito lo torse in convulsione; e caduto in terra, si rotolava schiumando. E Gesù domandò al padre: Da quanto tempo gli avviene questo? Ed egli disse: Dalla sua infanzia e spesse volte l’ha gettato anche nel fuoco e nell’acqua per farlo perire; ma tu, se ci puoi qualcosa, abbi pietà di noi ed aiutaci. E Gesù: Dici: Se puoi?! Ogni cosa è possibile a chi crede. E subito il padre del fanciullo esclamò: Io credo; sovvieni alla mia incredulità. E Gesù, vedendo che la folla accorreva, sgridò lo spirito immondo, dicendogli: Spirito muto e sordo, io tel comando, esci da lui e non entrar più in lui. E lo spirito, gridando e straziandolo forte, uscì; e il fanciullo rimase come morto; talché quasi tutti dicevano: È morto. Ma Gesù lo sollevò, ed egli si rizzò in piè. E quando Gesù fu entrato in casa, i suoi discepoli gli domandarono in privato: Perché non abbiam potuto cacciarlo noi? Ed egli disse loro: Cotesta specie di spiriti non si può far uscire in altro modo che con la preghiera.” (Marco 9:18-29)

Interessante la risposta che Gesù dà ai Suoi discepoli su come cacciare certi tipi di demoni. Infatti c’è bisogno della preghiera, ma anche del digiuno come ci ricorda l’apostolo ed evangelista Matteo (cfr. Matteo 17:21). Di che possessione demoniaca si trattava? Cosa c’era di diverso in questo tipo di possessione? La risposta la si può trovare nella risposta data dal padre alla domanda posta da Gesù: «Gesù domandò al padre: Da quanto tempo gli avviene questo? Ed egli disse: Dalla sua infanzia». I demoni più difficili da scacciare sono quelli che entrano nei bambini durante la loro infanzia. Ecco perché la Bibbia dice: “Inculca al fanciullo la condotta che deve tenere; anche quando sarà vecchio non se ne dipartirà.” (Proverbi 22:6)

Se il genitore si comporterà in questo modo, il bambino anche quando sarà più grande e maturo non si dipartirà dalla buona condotta che deve tenere e non rischierà di essere soggetto ad attacchi di possessione demoniaca.

Ora tornando a Santa Claus, qual è l’influenza negativa che può esercitare questo personaggio nella mente e soprattutto nello spirito dei bambini? Innanzitutto potrebbero credere che sia un aiutante ed amico di Gesù Cristo (come credevo anch’io), o peggio, potrebbero addirittura scambiarlo per Lui! Infatti se voi ci fate caso il diavolo si è servito di questa figura per rubare al Signore Gesù gli attributi che solo a Lui appartengono, in maniera tale da confondere le idee dei più piccoli. Facciamo un piccolo parallelismo tra le due figure:

SANTA CLAUS È ETERNO: Un bambino non sa infatti niente della sua origine e dunque è portato a credere che esista da sempre.

GESÙ CRISTO È ETERNO: “Io son l’Alfa e l’Omega, dice il Signore Iddio che è, che era e che viene, l’Onnipotente.” (Apocalisse 1:8)

SANTA CLAUS VIVE NEL NORD: La tradizione sostiene che Santa Claus viva al Polo nord, un posto al di sopra di tutti noi.

GESÙ CRISTO VIVRÀ NEL NORD: “Bello si erge, gioia di tutta la terra, il monte di Sion, dalle parti del settentrione, bella è la città del gran re.” (Salmo 48:2)

SANTA CLAUS È VESTITO DI ROSSO: Santa Claus porta un abito di colore rosso.

GESÙ CRISTO SARÀ VESTITO DI ROSSO: “Era vestito d’una veste tinta di sangue, e il suo nome è: la Parola di Dio.” (Apocalisse 19:13)

SANTA CLAUS HA I CAPELLI BIANCHI: Santa Claus è sempre ritratto come un vecchio uomo con gli occhiali e i capelli bianchi.

GESÙ CRISTO HA I CAPELLI BIANCHI: “E il suo capo e i suoi capelli erano bianchi come candida lana, come neve; e i suoi occhi erano come una fiamma di fuoco.” (Apocalisse 1:14)

SANTA CLAUS VA IN GIRO A PORTARE DONI: Egli è in grado di violare le leggi della gravità e di volare per l’aria e portare dei regali ai bambini.

GESÙ CRISTO È ASCESO IN CIELO E HA FATTO DEI DONI: “Ma a ciascun di noi la grazia è stata data secondo la misura del dono largito da Cristo. Egli è per questo che è detto: Salito in alto, egli ha menato in cattività un gran numero di prigioni ed ha fatto dei doni agli uomini.” (Efesini 4:7-8)

SANTA CLAUS STA PER ARRIVARE: Durante il periodo natalizio viene più volte rimarcato che “Santa Claus sta per arrivare”.

GESÙ CRISTO STA PER TORNARE: “Colui che attesta queste cose, dice: Sì; vengo tosto! Amen! Vieni, Signor Gesù!” (Apocalisse 22:20)

SANTA CLAUS È ONNISCIENTE: Viene insegnato ai bambini che Santa Claus “sa se ti sei comportato bene, o se ti sei comportato male”.

GESÙ CRISTO È ONNISCIENTE: “Gli occhi dell’Eterno sono in ogni luogo, osservando i cattivi ed i buoni” (Proverbi 15:3) e anche: “E Gesù, conosciuti i loro pensieri, disse: Perché pensate voi cose malvage ne’ vostri cuori?” (Matteo 9:4)

SANTA CLAUS È ONNIPRESENTE: Santa Claus deve per forza di cose essere onnipresente visto che deve visitare miliardi di case in un periodo di sole 24 ore.

GESÙ CRISTO È ONNIPRESENTE: “Poiché dovunque due o tre son raunati nel nome mio, quivi son io in mezzo a loro.” (Matteo 18:20)

SANTA CLAUS È ONNIPOTENTE: Egli ha infatti la capacità di portare regali e doni a miliardi di persone.

GESÙ CRISTO È ONNIPOTENTE: “E Gesù, accostatosi, parlò loro, dicendo: Ogni potestà m’è stata data in cielo e sulla terra.” (Matteo 28:18)

SANTA CLAUS HA SPIRITI AIUTANTI CHIAMATI ELFI/FOLLETTI: Dal dizionario Webster, del 1828: “Elfo…uno spirito errante, uno spirito maligno, un demonio (http://webstersdictionary1828.com/Dictionary/elf).

GESÙ CRISTO HA DEGLI AIUTANTI SPIRITUALI CHIAMATI ANGELI: “Allora il diavolo lo lasciò; ed ecco degli angeli vennero a lui e lo servivano.” (Matteo 4:11)

Dunque è chiaro che Santa Claus è l’ennesima macchinazione di Satana per spingere i bambini ad adorare lui piuttosto che il Signore Gesù Cristo, l’unico degno, assieme al Padre, di ricevere l’adorazione e il culto. Ma c’è dell’altro. Uno dei nomignoli dato a Santa Claus è ‘Nick’, che è anche uno dei nomignoli con cui è conosciuto il ‘diavolo’.

“Old Nick è un noto nomignolo anglofono del Diavolo. E’ probabile che derivi dal termine olandese Nikken, cioè diavolo.”
[L.A. Shepard, Encyclopedia of Occultism and Parapsychology – Gale Research Inc. 1991, p 650]

“Nick, il diavolo.”
[W. W. Skeat, Concise Dictionary of English Etymology – Wordsworth Editions Ltd, 1993, p 304]

“Oltre che Satana, il diavolo è anche chiamato Belzebù, Lucifero (…) e nel vernacolo inglese Old Nick.”
[Oxford English Dictionary]

“Nick è uno dei nomi del diavolo più comuni in lingua tedesca, in cui Satana viene chiamato Old Nick.”
[P. Siefker, Santa Claus, Last of the Wild Men: The Origins and Evolution of Saint Nicholas – McFarland & Company, Inc., 1997, p 69]

Anche la nota esclamazione di Santa Claus: “Oh! Oh! Oh!” ha a che fare con il diavolo.

In The Drama Before Shakespeare, l’autore Frank Ireson descrive l’antico gioco di società: Miracle Play. La descrizione che traccia del personaggio del diavolo è quella di una maschera “ispida, pelosa”, e fa notare che la sua esclamazione al momento della entrata in scena sia proprio “oh, oh, oh!”

“In questi giochi, l’entrata in scena del diavolo, nota come ‘furia del diavolo’ è contraddistinta dalla esclamazione “Oh! Oh! Oh!”
[P. Siefker, Santa Claus, Last of the Wild Men: The Origins and Evolution of Saint Nicholas – McFarland & Company, Inc., 1997, p 69]

La tripla esclamazione fu coniata nel corso del Basso Medioevo e ricalca il tormentone di un famoso vecchio gioco inglese chiamato Bomelio, come conferma il seguente estratto della regole del gioco stesso:

“Chi è arrivato? Ti scongiuro, spirito immondo, torna all’inferno! Oh! Oh! Oh! Il diavolo, il diavolo! Viene, viene, viene su di me” (…)
[R. Dodsley, Select Collection of Old English Plays, vol. VI. Progetto Gutenberg Ebook]

Il ricercatore Tony Renterghem chiude la sua pluriennale ricerca sulle origini di Santa Claus con la seguente affermazione:

“Posso solo concludere che il vero precursore del moderno Santa Claus altro non è che il mitologico Aiutante Oscuro, vaga reminiscenza dell’antico spirito sciamanico della natura Herne/Pan.”
[T. Van Renterghem, When Santa Was a Shaman – Llewellyn Publications, 1995, p 95]

“Pan è uno dei nomi infernali di Satana.”
[A. LaVey, The Satanic Bible – Avon Books, Inc., 1969 p. 144]

Ecco invece come Phyllis Siefker dell’Università del Kansas, sintetizza il risultato delle sue ricerche sulla figura di Santa Claus:

“Il fatto è che Santa Claus e Satana sono alter ego, fratelli, hanno la stessa origine. Superficialmente le due figure appaiono opposte, ma sotto la superficie condividono lo stesso gene, ed entrambi conservano molti antichi simboli associati al loro ‘padre’.”
[P. Siefker, Santa Claus, Last of the Wild Men: The Origins and Evolution of Saint Nicholas – McFarland & Company, Inc., 1997, p 6]

L’anagramma della parola Santa è Satan. Infatti basta solo spostare la lettera n alla fine per ottenere la parola Satan. Il riassetto delle lettere (chiamato anagramma) per occultare nomi e parole segrete è una pratica molto comune dell’occultismo. Uno degli anagrammi più noti in ambito occultistico è il nome di Sanat Kumara. Sanat è meglio conosciuto come Satan. C. Cumbey scrive nel best-seller sulla new age The Hidden Dangers of the Rainbow:

“Alcuni new agers fanno corrispondere Sanat Kumara a Dio. E i loro libri di riferimento dottrinali di autori quali Helena Petrovna Blavatsky e Alice Bailey identificano Sanat Kumara con Venere, cioè Lucifero.”
[C. Cumbey, The Hidden Dangers of the Rainbow – p. 138]

Texe Marrs scrive di ‘Sanat’ nel suo Dark Secrets of New Age:

Tra i personaggi descritti dalla New Age c’è un essere chiamato Sanat Kumara. ‘Sanat’ è naturalmente un riferimento velato a Satana, benché i maestri New Age ritengano che la nuova forma espressiva possa alleviare le preoccupazioni di coloro che non sono ancora pronti a riconoscere Satana come loro Signore e Messia.
[Texe Marrs, Dark Secrets of New Age – pp 79-80]

Molti nomi sacri sono trasmessi all’orecchio del profano sotto forma di parole comuni e spesso volgari che lo nascondono anagrammaticamente.
[HP Blavatsky, The Secret Doctrine, Vol. II, pag. 78]

Non è importante la parola, ma le lettere che la compongono.
[HP Blavatsky, The Secret Doctrine, Vol. II, pag. 350]

Gli anagrammi a cui si riferisce la Blavatasky erano usati per dissimulare l’identità del loro dio. La Blavatasky infatti sosteneva che Satana fosse il vero redentore, creatore e salvatore dell’umanità.

“E adesso com’è provato che Satana, il Drago Rosso Fuoco, il Signore del Fosforo e Lucifero, Portatore di Luce, sia in noi, sia la nostra mente, il nostro tentatore e Redentore, il nostro Salvatore intelligente.”
[HP Blavatasky, The Secret Doctrine p. 513]

“Satana, il Serpente della Genesi è il vero creatore e benefattore, il Padre spirituale del genere umano. Perché fu lui che aprì gli occhi dell’automa (Adamo) creato da Geova. . . egli rimane ancora nella verità esoterica il messaggero sempre amorevole . . . ”
[HP Blavatsky, The Secret Doctrine p. 213]

Gail Riplinger scrive nel suo eccellente New Age Versions del ricorso agli anagrammi nel mondo dell’occulto:

“La identità di Lucifero e Satana è rivelato sotto forma di anagramma, una trasposizione di lettere atta ad oscurare il suo vero nome. Nell’esoterismo sono chiamati ‘blinds’, e si ottengono rimescolando le lettere di un nome per nascondere il vero significato di una parola ai non iniziati.
(…)
“Gli dei della New Age includono Sanatana e Sanatsiyata. E’ possibile che Santa – il grande usurpatore del Natale di Cristo – sia in realtà un nome anagrammato? Ole Nick è elencato tra gli angeli caduti o diavoli nel Dizionario degli Angeli Caduti. Gli studiosi concordano sul fatto che Cristo sia nato in autunno, il 4° giorno della festa dei tabernacoli. Il 25 dicembre è in realtà “la festa in onore della nascita del figlio della regina babilonese del cielo, più tardi chiamato Saturnaha dai romani pagani.”
[G. Riplinger, New Age Versions – p. 52]

Nel 1994 la rivista satirica The Onion rappresentò una parodia dal titolo Ho! Ho! Ho! Io Sono Dio. Sebbene sia stata accusata di blasfemia, essa denunciò in forma ‘leggera’ ma efficace molte delle verità elencate in questo saggio.

Eccone alcuni stralci.

“Amo visitare ognuna delle vostre case, carico di sacchi pieni di giocattoli, e godermi il latte e biscotti che lasciate per me. Ma soprattutto mi piace il Natale perché è la celebrazione della nascita di mio figlio, Gesù il Cristo. Come vedi io sono Dio … non ti sembro familiare? Sono vecchio, ho una lunga barba bianca, ed amo tutti. Io sono lo stesso Dio che tu ed i tuoi genitori celebrate a messa la domenica.”
(…)
“Ok, lo ammetto. Non sono esattamente Dio. Però sono anche meglio di Dio. Sono allegro, vi offro doni reali, non antichi salmi e noiose e vuote promesse che si possono raccogliere solo quando si muore. Adorate me, non lui! Celebrate Santa! Io sono Dio!”
[Ho Ho Ho I’m God, The Onion – 29 novembre -. 5 dicembre 1994, pag 7]

Ebbene, questo è esattamente il messaggio che oggi a Natale passa nella cultura dei bambini.

Bisogna essere ciechi, fisicamente per non vedere le connessioni, e spiritualmente per non cogliere il danno che questo personaggio ambiguo arreca alla crescita spirituale e la fiducia dei bambini.

“Avendo occhi non vedete? e avendo orecchie non udite?”
– (Marco 8:18)

Landover Baptist, un sito satirico blasfemo ha pubblicato un articolo intitolato “Il diavolo è nel camino.” Per quanto il loro movente sia sacrilego, anche qui il legame evidente tra Santa a Satana non viene ignorato. Ecco alcuni stralci:

“Mica ci vuole Sherlock Holmes per capire che il travestimento annuale del Diavolo è quello di Santa Claus! Lucifero sarà pure il più astuto di tutti i demoni usciti dall’alito dell’inferno, però fu molto banale e prevedibile quando decise di rovinare il compleanno del nostro Salvatore con questo travestimento. Il suo ego spropositato ha avuto la meglio quando ha deciso di consacrare a se stesso il giorno di Natale. Ha appena anagrammato le lettere del suo nome per ottenere l’ambiguo ‘Santa’. (…)

“Non la pensate così? Anche la legge della terra vieta che Gesù bambino sia esposto nella piazza del paese, ed infatti chi c’è al suo posto? Avete indovinato! Santa Claus! Ogni volta che un cosiddetto bambino cristiano chiede a Santa qualcosa, in realtà sta chiedendola a Satana. Con ogni richiesta rivolta a Santa che si affrettano a soddisfare materialmente, i genitori non fanno che rinnovare un patto col diavolo, con cui si impegnano a distrarre i loro bambini dalla figura di Gesù.”

DOPOTUTTO E’ SOLO FICTION

Sono sicuro che molti di voi leggendo questo articolo avranno pensato: “Oh, andiamo, Santa Claus è solo fiction. Che problema c’è?

Ed è qui che vi sbagliate. I bambini piccoli infatti prendono la figura di Santa molto sul serio! Letteralmente lo adorano e non vedono l’ora che ritorni. Essi credono ed amano Santa Claus con tutto il cuore!

Ma la maggior parte dei genitori pensa: “Cosa può esserci di sbagliato in tutto questo?”

FICTION, ARMA MAGICA DI SATANA

Il satanista Anton LaVey, autore di The Satanic Bible e fondatore della prima Chiesa di Satana, scrive che la fiction è una ‘arma magica’ appannaggio del satanismo.

“La fiction gioca un ruolo importante in qualsiasi programma religioso, dal momento che la mente soggettiva è poco selettiva nei confronti di ciò che immagazzina. Pertanto, la fiction è utilizzata come arma magica [nel satanismo]”
[A. S. LaVey, The Satanic Rituals, p. 15, 27]

Lavey sa che il messaggio di Satana può essere facilmente diffuso sotto forma di fiction. Fiction che però nelle menti di tanti bambini piccoli non è altro che una assoluta, meravigliosa realtà! I genitori sanno che si tratta di fiction, ma i figli no!

Poi arriva il giorno in cui si diventa grandi e si cessa di prendere Santa Claus sul serio. Si impara che Santa è solo fiction, un personaggio di fantasia. Tuttavia l’associazione di idee ha già ottenuto quanto si era prefissata. La confusione di eventi e di personaggi ha già creato una identificazione tra Santa Claus e Gesù Cristo.

Dunque cosa succede quando i bambini si rendono conto che Santa Claus non è altro che una menzogna? Cosa succede quando in età più adulta si trovano a scegliere se avere fede nel Signore Gesù Cristo?

Santa Claus è una contraffazione satanica del Signore Gesù Cristo.

Una volta che il bambino comprende che ciò in cui aveva creduto con tutto il cuore era solo una bugia, il passo logico è predisporsi a credere che anche Gesù sia una bugia.

Fonti:

– Babbo Natale: Storia e Simbolismo Occulto di Santa Claus – 1: http://www.anticorpi.info/2013/12/babbo-natale-storia-e-simbolismo.html

– Babbo Natale: Storia e Simbolismo Occulto di Santa Claus – 2: http://www.anticorpi.info/2013/12/babbo-natale-storia-e-simbolismo_23.html

Chi ha orecchi da udire, oda

Gianluca Colucci